Home News Attualità Truffe agli anziani, la Polizia nei punti vaccinali per sensibilizzare gli over...

Truffe agli anziani, la Polizia nei punti vaccinali per sensibilizzare gli over 80

0

Sensibilizzare gli anziani sui rischi delle truffe, fenomeno sociale odioso che troppo spesso li vede vittime. E’ questo l’obiettivo dell’iniziativa nata dalla sinergia tra Ausl Ferrara e Questura che vede, dal 22 febbraio scorso, la presenza del Poliziotto di quartiere presso i punti vaccinali nei quali vengono somministrati i vaccini agli over 80.

In questa emergenza gli anziani sono tra le categorie più a rischio, insieme alle donne e ai giovanissimi, costretti a vivere quasi confinati in casa, privi delle loro reti sociali e di supporto e troppo spesso anche del contatto con le famiglie. L’isolamento sociale, la paura per se stessi e per i propri cari, li disorienta e li spaventa.

Questa situazione si traduce in una maggiore vulnerabilità, pensiamo ai subdoli messaggi di malviventi che approfittano del Covid per realizzare i loro piani criminali, spacciandosi per figli o nipoti in difficoltà, magari chiedendo denaro per il vaccino contro il Coronavirus.

L’iniziativa portata avanti con passione e spirito di servizio per circa tre mesi ha voluto essere un segnale di vicinanzanei confronti di coloro che necessitano di una continua e capillare attività di informazione e, quindi, di prevenzione.

Sono stati intercettati, nell’intera provincia ferrarese, circa 29.000 anziani, di cui 12.000 nell’hub di Ferrara Fiera, ai quali in accordo con gli operatori sanitari sono state consegnate le brochure contenenti due semplici consigli: non aprire la porta di casa a sconosciuti e, se si ricevono telefonate con una richiesta di denaro, interrompere la comunicazione e chiamare un parente o il 113.

Un particolare plauso è stato rivolto dal generale Francesco Figliolo, in visita il 10 aprile all’hub di Ferrara, per lo stand allestito all’ingresso della Fiera dalla Polizia di Stato “in cui ammirabilmente vengono informati e messi in allerta gli anziani dal rischio, più che mai odioso, di truffe e raggiri”.

“’Esserci sempre’ è lo spirito della nostra missione al servizio dei cittadini per garantire sicurezza e libertà” dichiara il questore Cesare Capocasa, presente alla chiusura del gazebo, citando “il Santo Padre, che in occasione di una sua visita a Pietralcina, la terra di San Pio, parlando degli anziani, ha detto testualmente“mi piacerebbe che una volta si desse il premio Nobel agli anziani, la cui testimonianza dà memoria all’Umanità”.

“Ringrazio il questore per la proficua collaborazioneinstaurata a tutela della sicurezza delle persone più anziane” commenta la direttrice generale dell’AUSL, Monica Calamai, ringraziando anche “tutti gli uomini e le donne della Poliziache in questi mesi sono stati a disposizione dei cittadini non solo per la sensibilizzazione contro le truffe ma in generale per il supporto in caso di necessità. Sono certa che nel prossimo futuro ci sarà l’opportunità per instaurare nuove collaborazioni sia per la campagna vaccinale, sia per nuove progettualità”.

La conferma è data dal direttore sanitario Emanuele Ciottiche, unendosi alle parole di ringraziamento ed elogio verso gli agenti di Polizia, fornisce gli ultimi numeri in merito al piano vaccinale: “Questo importante progetto con la Questura si chiude in una giornata fondamentale: nella giornata di ieri (giovedì 29 aprile) si sono superate le 3600 vaccinazionisull’intero territorio provinciale, di cui 1785 solo in Fiera. Riguardo alla categoria in questione, sono stativaccinati oltre 30mila over 80, di cui 12mila nell’hub della Fiera, praticamente il 93% della popolazione interessata”. Immunizzata dal virus e dalle truffe.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome