Home In Famiglia Adozione e Affido Adottare un bambino, come fare e a chi rivolgersi a Ferrara

Adottare un bambino, come fare e a chi rivolgersi a Ferrara

0
Sono decine di migliaia le coppie che, in Italia, hanno deciso di intraprendere, o stanno intraprendendo, il percorso dell’adozione di un bambino.                                             
Un percorso che può portarle all’adozione nazionale oppure a quella internazionale, che però inizia da una serie di primi passi comuni.
L’Adozione Nazionale

Chi può farla
Tutte le coppie coniugate che desiderano adottare un bambino o una bambina nato in Italia e dichiarato adottabile dal Tribunale per i Minorenni.

Dove rivolgersi
Per maggiori informazioni e chiarimenti sul percorso da seguire occorre richiedere un colloquio con le Assistenti Sociali che si occupano di questa tematica presso l’ASP  Servizio Sociale -Area minori di Via Ripagrande, 5 Ferrara – Tel. 0532/799590 – Fax 0532/799597.
Allo Sportello è possibile accedere direttamente e senza appuntamento nei giorni mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.00.
Per richiedere un colloquio con le assistenti sociali che si occupano di adozione è sufficiente telefonare negli orari di ufficio.

La delibera regionale n. 1495 del 28.07.2003 relativa alle linee di indirizzo per le adozioni nazionali ed internazionali prevede l’attivazione, da parte dei Servizi, di Corsi di informazione e formazione per le coppie che intendono intraprendere il percorso adottivo.
Dopo aver effettuato questi incontri e dopo il percorso di studio di coppia da parte dei Servizi Socio-sanitari competenti potrà essere presentata la disponibilità all’adozione nazionale al Tribunale per i Minorenni di Bologna. Il tribunale, dopo aver ricevuto la relazione degli assistenti sociali ha due mesi di tempo per rilasciare (o meno) il decreto di idoneità all’adozione.

Se la coppia viene ritenuta idonea viene inserita in una lista, e dovrà attendere l’abbinamento a un minore che sia stato dichiarato adottabile dal tribunale dei minori. Segue un periodo denominato affidamento preadottivo, che dura almeno 12 mesi, in cui la coppia e il bambino iniziano a conoscersi. Al termine di questo, dopo una seconda relazione dei servizi sociali al giudice minorile competente, l’adozione nazionale diviene definitiva.                                                                                                             Ass. Sociale Federica Biondo                                                                        Responsabile Settore Minori: Angela Mambelli

L’Adozione Internazionale

Chi può farla
Tutte le coppie coniugate che desiderano adottare un bambino o una bambina proveniente da un paese straniero.
Dove rivolgersi
Per maggiori informazioni e chiarimenti sul percorso da seguire occorre richiedere un colloquio con le Assistenti Sociali che si occupano di questa tematica presso l’ASP  Servizio Sociale -Area minori di Via Ripagrande, 5 Ferrara – Tel. 0532/799590 – Fax 0532/799597.
Allo Sportello è possibile accedere direttamente e senza appuntamento nei giorni:
mercoledì e venerdì dalle 8.30 alle 13.00.
Per richiedere un colloquio con le assistenti sociali che si occupano di adozione è sufficiente telefonare negli orari di ufficio.

La delibera regionale n. 1495 del 28.07.2003 relativa alle linee di indirizzo per le adozioni nazionali ed internazionali prevede l’attivazione, da parte dei Servizi, di Corsi di informazione e formazione per le coppie che intendono intraprendere il percorso adottivo.
Dopo aver effettuato questi incontri e dopo il percorso di studio di coppia da parte dei Servizi Socio-sanitari competenti potrà essere presentata la disponibilità all’adozione nazionale al Tribunale per i Minorenni di Bologna. Il tribunale, dopo aver ricevuto la relazione degli assistenti sociali ha due mesi di tempo per rilasciare (o meno) il decreto di idoneità all’adozione.

Nel caso dell’adozione internazionale, una volta che la coppia sia stata dichiarata idonea ha un anno di tempo per scegliere obbligatoriamente uno degli enti autorizzati dalla Commissione per le adozioni internazionali. Si tratta in particolare di agenzie, associazioni ed enti, che hanno il compito di assistere le coppie nei rapporti col paese di provenienza del bambino, formare gli abbinamenti ed eventualmente, assistere le famiglie nel periodo che segue l’adozione.                                                               Ass. Sociale Federica Biondo
Responsabile Settore Minori: Angela Mambelli

Gruppi Auto Aiuto

Per genitori in attesa di adozione                                                                              Si tratta di un gruppo composto da genitori che hanno in comune l’aver presentato domanda di adozione di un bambino. E’ sostenuto dall’Associazione “Dammi la Mano”.  All’interno del gruppo la persona può sperimentare, offrire e ricevere accoglienza, solidarietà, incoraggiamento e informazioni attraverso il confronto con l’altro.

La partecipazione al gruppo è gratuita, libera e fondata sul rispetto della riservatezza.       Gli incontri si tengono presso la Casa del Volontariato Agire Sociale di via Ravenna, 52 – Ferrara.                                                                                                                   Il genitore che per la prima volta intende partecipare agli incontri deve inviare una e-mail all’indirizzo gruppopre@dammilamano.org per essere “accompagnato” all’interno del gruppo.

Per genitori di figli adottivi                                                                                     Si tratta di un gruppo composto da genitori che hanno in comune l’adozione un bambino, sostenuto dall’Associazione “Dammi la Mano”.  All’interno del gruppo la persona può sperimentare, offrire e ricevere accoglienza, solidarietà, incoraggiamento e informazioni attraverso il confronto con l’altro.

La partecipazione al gruppo è gratuita, libera e fondata sul rispetto della riservatezza.                                                           Gli incontri si tengono presso la Casa del Volontariato Agire Sociale di via Ravenna, 52 – Ferrara.                                                                                                                   Il genitore che per la prima volta intende partecipare agli incontri deve inviare una e-mail all’indirizzo gruppopost@dammilamano.org per essere “accompagnato” all’interno del gruppo.

Articolo precedenteVaccini, l’Ausl mette in campo una task force per fragili ed estremamente vulnerabili
Articolo successivoAstensione anticipata per gravidanza o lavoro a rischio

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome