Home Info utili e servizi Scuola primaria, tornano le pagelle con i giudizi descrittivi

Scuola primaria, tornano le pagelle con i giudizi descrittivi

0

Nelle pagelle di metà e fine anno non ci saranno più i voti in decimi bensì le valutazioni attraverso giudizi espressivi. E’ quanto previsto dall’Ordinanza del Ministero dell’Istruzione che lo scorso 4 dicembre 2020 è stata firmata e inviata alle scuole.

Al posto dei voti numerici nella valutazione periodica e finale della scuola primaria, secondo quanto stabilito dal Decreto Scuola approvato a giugno, ci saranno dunque i giudizi espressivi.

Addio ai voti numerici nelle pagelle

La recente normativa ha infatti individuato un impianto valutativo che supera il voto numerico e introduce il giudizio descrittivo per ciascuna delle discipline previste dalle Indicazioni nazionali per il curricolo, Educazione civica compresa. Un cambiamento che ha lo scopo di far sì che la valutazione degli alunni sia sempre più trasparente e coerente con il percorso di apprendimento di ciascuno. L’Ordinanza, oggetto di apposita informativa sindacale e del parere del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione, è stata inviata insieme ad apposite Linee Guida e ad una nota esplicativa.

Le nuove valutazioni: quattro giudizi 

Secondo quanto previsto dalle nuove disposizioni, il giudizio descrittivo di ogni studente sarà riportato nel documento di valutazione e sarà riferito a quattro differenti livelli di apprendimento:

Avanzato: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note e non note, mobilitando una varietà di risorse sia fornite dal docente, sia reperite altrove, in modo autonomo e con continuità.

Intermedio: l’alunno porta a termine compiti in situazioni note in modo autonomo e continuo; risolve compiti in situazioni non note, utilizzando le risorse fornite dal docente o reperite altrove, anche se in modo discontinuo e non del tutto autonomo.

Base: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e utilizzando le risorse fornite dal docente, sia in modo autonomo ma discontinuo, sia in modo non autonomo, ma con continuità.

In via di prima acquisizione: l’alunno porta a termine compiti solo in situazioni note e unicamente con il supporto del docente e di risorse fornite appositamente.

I livelli di apprendimento saranno riferiti agli esiti raggiunti da ogni alunno in relazione agli obiettivi di ciascuna disciplina. Nell’elaborare il giudizio descrittivo si terrà conto del percorso fatto e della sua evoluzione.

La valutazione degli alunni con disabilità certificata sarà correlata agli obiettivi individuati nel Piano educativo individualizzato (PEI), mentre la valutazione degli alunni con disturbi specifici dell’apprendimento terrà conto del Piano didattico personalizzato (PDP).

Disturbi del comportamento, la Psicologa ai genitori: “Sono segnali di un disagio, non ignorateli!”

Disturbi dell’apprendimento, capirli in tempo per affrontarli al meglio

Articolo precedenteCentro vaccinale in Fiera: obiettivo 2000 vaccinazioni al giorno , operativo dal 22 febbraio
Articolo successivoInterruzione volontaria di gravidanza, che cos’è e dove andare

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome