Home News Attualità Ai Diamanti riapre la mostra dedicata a Ligabue: una vita da artista...

Ai Diamanti riapre la mostra dedicata a Ligabue: una vita da artista raccontata in 107 opere

0

107 opere tra dipinti, sculture e disegni. A Palazzo dei Diamanti riapre il 1 febbraio “Antonio Ligabue – una vita da artista” La mostra, dedicata al pittore e scultore, tra i più importanti artisti Naïf del XX secolo, era stata inaugurata lo scorso 30 ottobre.

Mostre e musei, Gulinelli annuncia programma riaperture da lunedì

La mostra

La mostra, che ospita alcune opere che non sono mai state esposte prima, sotto la supervisione della Fondazione Archivio Antonio Ligabue di Parma,  è stata curata da Marzio Dall’Acqua e Vittorio Sgarbi con la supervisione di Augusto Agosta Nota.

L’esposizione, frutto della collaborazione tra Ferrara Arte e la Fondazione Archivio Antonio Ligabue, documenta tutta l’attività di Ligabue attraverso 77 dipinti, 20 sculture, 10 disegni. Nel percorso emergono i temi fondamentali della sua ricerca: dal diario intimo degli autoritratti ai paesaggi del cuore, dai ritratti alle nature morte, dagli animali selvaggi a quelli domestici, dai paesaggi agresti alle scene di caccia e alle tormente di neve. Un racconto che pone l’accento sulla singolarità della sua poetica e rivela la forza naturale, pura e istintiva del suo genio.

“Siamo arrivati a molti anni dalla sua scomparsa, ma Ligabue rimane un irregolare, un eccentrico, un clandestino, un profugo, un cacciato, un disperato, un alienato, un diverso. Ma questo non è un limite, è la sua grandezza”, ha spiegato il presidente di Ferrara Arte Vittorio Sgarbi, sottolineando che: “Qualunque museo avrebbe ospitato una mostra di De Chirico o di Morandi, Ligabue ha dovuto pazientare ai margini del suo bosco per arrivare finalmente, oggi, a palazzo dei Diamanti, che prima di chiudere per qualche mese vuole, proprio con l’urlo di Ligabue, gridare per l’arte e per la vita. In tempi difficili l’urlo di Ligabue è anche il nostro”.

Poi un’anticipazione ad appassionati e prossimi visitatori: “Osservando le sue opere vi troverete gran parte del vostro animo e delle ferite. Ma quelle ferite diventano festa, urlo al cielo, certezza che nell’uomo c’è un’anima che vive. E l’anima di Ligabue è molto più viva di quella di molti, cosiddetti, ‘artisti'”

Al pittore è stato dedicato il film “Volevo nascondermi” che, acquistando il biglietto della mostra attualmente allestita al Padiglione d’Arte Contemporanea sui pittori della Valle del Po, si potrà vedere il 15 e il 16 agosto presso l’arena estiva di Parco Pareschi.

Per prenotazioni e info sulle modalità di accesso alla mostra clicca qui. 

Sgarbi racconta Banksy: “Artista di tutti che abbatte confini tra l’arte…

Diretta Ferrara Focus: da Banksy raccontato da Vittorio Sgarbi alla fase…

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome