Home News Attualità Buoni acquisto tablet e pc, pubblicata la graduatoria degli ammessi a Ferrara

Buoni acquisto tablet e pc, pubblicata la graduatoria degli ammessi a Ferrara

0

450 buoni del valore di 300 euro per l’acquisto di tablet o computer portatili per garantire la possibilità di seguire le lezioni scolastiche a distanza in tempo di emergenza sanitaria alle famiglie in difficoltà economiche, con particolare attenzione a chi ha perso o sospeso l’attività lavorativa. 

Sono quelli assegnati dal Comune di Ferrara, frutto di finanziamenti regionali per la somma di circa 135mila euro.

E’ stata pubblicata in questi giorni la graduatoria degli ammessi, non ammessi ed esclusi per mancanza di requisiti relativi al progetto “Contrasto del divario digitale”.
(A coloro che avevano presentato domanda, nei giorni scorsi è stata spedita una e-mail contenente il codice identificativo attribuito a ogni “pratica”).

Cliccare qui per consultare

Come si potranno utilizzare

I buoni potranno essere spesi, entro il 31 dicembre 2020, in uno dei punti vendita del distretto Centro Nord che attraverso una specifica manifestazione d’interesse sottoscriveranno una convenzione con il Comune di Ferrara. L’elenco delle aziende coinvolte nel progetto è stato individuato grazie alla collaborazione della Camera di Commercio di Ferrara e verrà pubblicato prossimamente sul sito www.edufe.it

Il bando “contrasto al divario digitale”

L’amministrazione estense è l’ente capofila responsabile della gestione delle risorse destinate nell’ambito del progetto di contrasto al divario digitale al distretto Centro Nord che comprende i comuni di Masi Torello, Voghiera, Copparo, Jolanda di Savoia, Riva del Po e Tresignana.

Potevano presentare la richiesta di assegnazione del buono gli studenti iscritti per il prossimo anno scolastico 2020-2021 a una qualsiasi scuola primaria o secondaria di primo e secondo grado purché residenti in uno dei Comuni del Distretto Centro Nord (Ferrara, Masi Torello, Voghiera, Copparo, Jolanda di Savoia, Riva del Po, Tresignana). Era consentito presentare la richiesta per gli studenti non residenti se in condizione di affido familiare o accolti in strutture di accoglienza anche se non residenti nel Distretto.

I buoni sono stati assegnati, fino all’esaurimento delle risorse, sulla base di una graduatoria formulata attraverso l’attribuzione dei punteggi che attribuiti tenendo conto delle condizioni economiche (Isee) e delle condizioni familiari e sociali dei richiedenti. Sono considerate infatti situazioni di necessità i nuclei monogenitoriali, studenti con disabilità, studenti ospiti di strutture di accoglienza o situazioni di disagio sociale o difficoltà riscontrate nella partecipazione alla didattica a distanza adeguatamente relazionata dai servizi sociali o dalla scuola. Particolare attenzione viene data anche ai nuclei familiari che si trovano in condizioni di difficoltà economica e hanno subito ulteriori danni a causa della perdita  o sospensione dell’attività lavorativa in seguito all’emergenza.

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome