Home News Attualità Movida ai lidi, la titolare del Malua: “Nostro sforzo per la sicurezza...

Movida ai lidi, la titolare del Malua: “Nostro sforzo per la sicurezza è massimo!”

0

 “Lo sforzo per garantire un divertimento in sicurezza all’interno del nostro locale è massimo”. A dirlo è Lella Calzolari, proprietaria del Malua54 del Lido di Spina (fra i più gettonati come ritrovo per i giovani) finito sotto i riflettori per la movida dello scorso weekend.

“L’accalcamento, composto da non più di duecento persone e non certo di seicento come qualcuno ha detto, si è disperso subito, ha messo in evidenza la Calzolari riferendosi ad alcuni articoli di stampa. E comunque, ha aggiunto ancora la titolare dello stabilimento, le persone che si sono assembrate si trovavano all’esterno del locale e non dentro. Questo proprio per evitare un’eccessiva presenza all’interno, così come prevedono i protocolli”. La Calzolari ha inoltra manifestato la disponibilità a collaborare le autorità e la pubblica amministrazione per cercare di migliorare sempre di più il nostro operato”.

“Il Malua – ha spiegato ancora la titolare – si è dotato di un’agenzia di sicurezza e di personale per fare in modo di evitare gli assembramenti e per contingentare gli ingressi in ossequio alle direttive contenute nel dpcm. All’ingresso è stato posizionato un punto di distribuzione gratuita di mascherine. Oltre al fatto che ad ogni cliente viene misurata la temperatura attraverso il termo scanner. In più, in diversi punti del locale, così come sulla passerella per raggiungere la spiaggia sono stati posizionati diversi dispencer con il gel igienizzante per detergersi le mani. L’ingresso ai banconi del bar è regolamentato e cadenzato anche grazie alla presenza degli addetti alla sicurezza. Gli stessi addetti che, all’entrata del locale, sono dotati di un’apposita applicazione che monitora gli ingressi e le uscite in modo tale da non avere mai un numero di persone presenti che superi la soglia consentita”.

Sulla movida è intervenuto anche il vice sindaco di Comacchio Denis Fantinuoli. “Gli eventi occorsi nel corso dell’ultimo week end sui Lidi di Comacchio ci hanno posto di fronte a situazioni che hanno reso necessario il potenziamento del controllo sul territorio. Mesi di lockdown, ha detto Fantinuoli, non possono essere vanificati dalla superficialità degli avventori e da sistemi gestionali non adeguati da parte di alcuni operatori al fine di scongiurare assembramenti e concentrazioni di potenziale pericolo.”
“Rivolgo pertanto un appello a tutti affinchè siano rispettati tutti i protocolli di sicurezza emanati dalla Regione Emilia Romagna: qualora fossero disattesi saranno applicate le relative sanzioni previste”.
“La salute pubblica, ha concluso il vice sindaco, è un bene da proteggere e salvaguardare e non è possibile metterla a repentaglio con comportamenti superficiali: le regole ci sono e vanno rispettate”.

Movida ai lidi, il Prefetto rafforza i controlli. Multe per i locali che non fanno rispettare le regole

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome