Home News Attualità Domenica 15 marzo 2020: il silenzio di Ferrara e la sua bellezza

Domenica 15 marzo 2020: il silenzio di Ferrara e la sua bellezza

0

Domenica 15 marzo 2020. E’ una domenica che difficilmente ci si potrà dimenticare. E’ una di quelle date per cui potremmo dire “io c’ero”. E’ la prima domenica in cui l’Italia si è fermata, e con lei anche Ferrara. Negozi, bar, musei, piazze, parchi, perfino le nostre amate mura. Tutto chiuso. 

 

Con un sole che splende e la primavera alle porte la nostra città oggi sarebbe stata piena di turisti, di famiglie, di bambini.

Quello che invece oggi la riempie è l’incertezza per quello che ci aspetta e il silenzio. Un silenzio che pesa, che lascia spazio a rumori che forse non avevamo mai sentito, perché coperti da quello della vita “di prima”, che tanto ci manca in questi giorni. Avevate mai sentito quanto è forte il rumore dell’acqua della fontana del fossato del castello? Oppure quello dei semafori che indica ai non vedenti che c’è il verde? C’è quasi da sussultare per un portone che si apre, anche se a decine di metri di distanza.

Surreale. E’ la parola che facendo un giro nella tarda mattina di oggi, abbiamo sentito ripetere più spesso dalle poche persone incontrate.

Ormai siamo tutti convinti che i sacrifici che ci vengono richiesti sono per il bene nostro e delle nostre comunità. Forse una delle tante cose che questo periodo difficile ci insegnerà è la capacità di apprezzare la città di Ferrara, i suoi spazi, i suoi difetti, i suoi rumori, la sua vita, il suo essere così incredibilmente bella, comunque, anche senza di noi!

 

di Alexandra Boeru

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome