Home News Attualità Coronavirus, i Pediatri Ausl scrivono ai genitori: “Poche regole per il beneficio...

Coronavirus, i Pediatri Ausl scrivono ai genitori: “Poche regole per il beneficio di tutti”

0

“Poche regole da osservare, grazie alle quali contribuire al beneficio di pazienti, famiglie e sanitari, con l’auspicio che la situazione possa evolvere al meglio”. 

Non portare i bambini negli ambulatori senza avere prima telefonato al pediatra, rispettare gli orari, non accompagnare il bambino alle visite in più di una persona.

Sono solo alcune delle indicazione e delle regole che i Pediatri di libera scelta dell’Ausl di Ferrara hanno deciso di mettere nero su bianco con un messaggio pubblico ai genitori e alle famiglie ferraresi.

“La attuale situazione sanitaria appare importante, perche’ siamo tutti costretti ad un relativo isolamento provocato dall’ estrema contagiosità del Coronavirus che si sta diffondendo in tutto il paese. In questo momento piu’ che mai richiediamo la vostra collaborazione, scrivono i pediatri, che abbiamo gia’ avuto modo di verificare in tempi meno critici”.
Quanto gia’ descritto nel documento relativo ai Medici di Medicina Generale viene confermato anche dai Pediatri di Famiglia che ai genitori forniscono in più le seguenti indicazioni :

🅰️ Bambino sofferente

  • Evitare l’accesso immediato presso gli ambulatori senza appuntamento
  • Consultate il pediatra telefonicamente indicando eta’ e sintomi
  • Se il medico ritiene opportuna la visita ambulatoriale accedere assieme al bambino con un solo parente (genitore od affidatario – attenzione alle persone anziane che sono quelle piu’ a rischio)
  •  Accedere all’ ambulatorio secondo i tempi indicati dal Pediatra, osservando scrupolosamente l’ orario indicato
  • Non saranno in alcun modo accettati ritardi che generebbero confusione e assembramento negli ambulatori (da evitare per ridurre la possibile diffusione del contagio, comunque da evitare anche in periodi di normale patologia)

🅱️ Bambino non sofferente che deve effettuare i controlli generali di salute

  • Verranno praticati come di consueto le visite di controllo entro i primi 10 mesi
  • Le successive potranno essere dilazionate nel tempo per facilitare l’ accesso ai bambini con problemi di salute
  • Comunque ogni pediatra organizzerà le sedute mediante appuntamento in orario diverso rispetto a quello riservato alle visite per problemi

Per ridurre le possibilità di contagio, attualmente il problema prioritario:

  • Il pediatra indossera’ durante le visite gli ausili di protezione
  • Il bambino sottoposto a visita ambulatoriale non potra’ toccare o giocare con il materiale presente in ambulatorio
  • Nelle sale di attesa occorrera’ osservare la distanza di almeno 1 metro tra persone diverse e nelle stesse il bambino dovra essere attentamente accudito e non potrà muoversi liberamente nella sala

“Tutti voi conoscete il metodo che il vostro pediatra adotta per capire la reale situazione sanitaria in cui si trova il vostro bambino, scrivono ancora i medici ai genitori, soprattutto mediante il consulto telefonico in cui vi rivolge poche domande utili per evidenziare la gravita’ e la maggiore o minor urgenza del problema.
La comparsa di una alterazione dello stato di salute deve essere segnalata al medico, in prima istanza, esclusivamente tramite richiesta telefonica in modo che lo stesso possa porvi le domande utili alla discriminazione dello stato di salute in maniera il piu’ possibile esatta!”

In questi giorni sono state modificate le modalità di accesso anche presso gli ambulatori della continuità assistenziale (ex guardia medica) ai quali ci si può recare solo dopo contatto telefonico (qui tutti i dettagli) 

La Regione dice “stop” a palestre, piscine, centri sociali: ecco tutte le misure per Ferrara

Coronavirus, nuovo Decreto: “chiuse” Lombardia e 14 province, più limitazioni a livello nazionale

Coronavirus: cosa serve sapere su isolamento, accessi in ambulatori e ospedali, socialità

Sport estense riunito in Municipio, Maggi e Fabbri: “Momento difficile, serve senso di responsabilità”

Scuole e atenei, l’annuncio ufficiale di Conte e Azzolini: “attività sospese fino al 15 marzo”

Coronavirus, i consigli del Telefono Azzurro per spiegarlo ai bambini

Ricadute Coronavirus, Fabbri: “Periodo di chiusura di nidi e materne non si pagherà”

Rientro a scuola, l’Ufficio Scolastico Regionale chiarisce i dubbi sul certificato medico

Coronavirus, l’Ausl di Ferrara: “Chi ha sintomi rilevanti chiami il 118, Guardia Medica potenziata!”

Questura e Croce Rossa: “Nessuno screening porta a porta, attenzione alle truffe”

Coronavirus, i chiarimenti della Regione sulle manifestazioni da sospendere

Coronavirus e bambini, i Pediatri della Sip: “Mamme siate caute ma non affollate i pronto soccorso!”

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome