Home News Attualità Bimbi a casa: Governo valuta voucher e congedi, a Ferrara niente retta...

Bimbi a casa: Governo valuta voucher e congedi, a Ferrara niente retta per i periodi di chiusura

0

Scuole e asili chiusi fino al 15 marzo. Mentre il Governo studia soluzioni per sostenere le famiglie che devono far fronte alla complessa gestione dei bambini a casa, il sindaco di Ferrara Alan Fabbri conferma quanto aveva già anticipato all’indomani della prima sospensione delle attività didattiche: la retta relativa ai servizi per l’infanzia comunali per i periodi di chiusura non sarà dovuta. 

“A breve adotteremo le prime misure ufficiali che ricalcolano gli importi delle rette non facendo pagare i giorni di chiusura”, spiega Fabbri che aggiunge “incontrerò anche i responsabili delle scuole private per cercare di trovare una soluzione che vada incontro alle famiglie che frequentano nidi e le scuole private”.

“Stiamo valutando anche la predisposizione di un progetto di assistenza domiciliare ai disabili, conclude Fabbri, in modo da impegnare il personale educativo e garantire la continuità di servizio ai bambini”.

Voucher per le baby sitter e congedi straordinari si studiano invece a livello nazionale. A dirlo durante la trasmissione ‘Circo Massimo’ su Radio Capital parlando della decisione del governo di chiudere le scuole per l’emergenza coronavirus, è stato il ministro per la Famiglia, Elena Bonetti.

“Sto pensando a possibilità di sostegno per i costi delle baby sitter, con i voucher, si tratta di proposte per le quali ci sono in corso valutazioni economiche. Anche i nonni, che sono così preziosi nel welfare della nostra società, oggi vanno tutelati. Quindi, ha aggiunto il Ministro, dobbiamo dare anche la possibilità di evitare troppo contagio tra i bambini e i nonni, con congedi straordinari per i genitori. Sono misure che si dovranno attivare fin da ora”.

“Non si può pensare che le persone stiano a casa mettendosi in ferie o utilizzando permessi non retribuiti. Accanto alle misure per il rilancio economico, ha sottolineato la Bonetti, bisogna dare alle famiglie la possibilità di vivere questo momento con normalità”. Il ministero sta valutando, tra le varie misure, un utilizzo straordinario dello smart working, e dove non fosse possibile, che uno dei due genitori possa restare a casa con congedi straordinari. Verrà pensato anche uno strumento anche per gli autonomi.

Coronavirus: 74 ferraresi in isolamento ma nessun positivo. Aumentano casi e decessi in Emilia Romagna

Nuovo Decreto “Coronavirus”, tutte le misure in vigore fino al 3 Aprile

Scuole e atenei, l’annuncio ufficiale di Conte e Azzolini: “attività sospese fino al 15 marzo”

Coronavirus, i consigli del Telefono Azzurro per spiegarlo ai bambini

Sospensione delle attività scolastiche fino all’8 marzo, per l’emergenza Coronavirus

Ricadute Coronavirus, Fabbri: “Periodo di chiusura di nidi e materne non si pagherà”

Rientro a scuola, l’Ufficio Scolastico Regionale chiarisce i dubbi sul certificato medico

Coronavirus, l’Ausl di Ferrara: “Chi ha sintomi rilevanti chiami il 118, Guardia Medica potenziata!”

Questura e Croce Rossa: “Nessuno screening porta a porta, attenzione alle truffe”

Coronavirus, i chiarimenti della Regione sulle manifestazioni da sospendere

Coronavirus e bambini, i Pediatri della Sip: “Mamme siate caute ma non affollate i pronto soccorso!”

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome