Home News Attualità Al via le domande per il Bonus Nido: nel 2020 aumenta per...

Al via le domande per il Bonus Nido: nel 2020 aumenta per le famiglie più in difficoltà

0

Con la circolare Inps del 14 febbraio, si dà il via alle domande per il Bonus Nido 2020, un contributo in denaro riservato ai figli nati o adottati a partire dal 1° gennaio del 2016, per il pagamento delle rette di asili nido pubblici o privati autorizzati oppure, in determinati casi , per forme di assistenza domiciliare.

Con la legge di Bilancio 2020 è stato aumentato l’importo massimo del contributo erogato dall’INPS a fronte delle spese sostenute per le rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati dei figli, ovvero per l’introduzione di forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Necessario l’ISEE minorenni per i casi previsti per legge (genitori non sposati e/o non conviventi) e ISEE ordinario (che vale come ISEE minorenni) in tutti gli altri casi per la presentazione della domanda. L’ISEE deve essere quello del 2020 già attestato e non va allegato, ma viene abbinato automaticamente da Inps.

Chi ha fatto domanda nel 2019 riceverà un sms per aggiornare la domanda dello scorso anno per quello in corso.

L’importo del rimborso verrà modulato in base al valore dell’ISEE valido e potrà arrivare fino a 3.000 euro annui per le famiglie più povere (nel 2019 il beneficio era di 1.500 euro per tutti i nuclei familiari).

A chi spetta

Può richiedere il bonus il genitore di un minore, nato o adottato a partire dal 2016, residente in Italia, con cittadinanza italiana o comunitaria (Unione europea). Gli extracomunitari devono essere in possesso di permesso di soggiorno di lunga durata, oppure carta di soggiorno per familiari extracomunitari, oppure statu di rifugiato politico.

Il bonus può essere erogato, oltre che per il pagamento delle rette degli asili nido, anche per forme di assistenza domiciliare rivolte a bambini di età inferiore ai tre anni con gravi Patologie croniche.

Se si vuole fruire del beneficio per più figli è necessario presentare una domanda per ciascuno di essi.

Quanto Vale

Dal 1° gennaio 2020 il bonus nido viene erogato dall’INPS nei seguenti importi massimi:
·3.000 euro per i nuclei familiari con ISEE (minorenni) di valore fino a 25.000 euro;
·2.500 euro per i nuclei familiari con modello ISEE (minorenni) di valore compreso da 25.001 e 40.000 euro;
· 1.500 euro per i nuclei familiari con modello ISEE (minorenni) di valore superiore a 40.000 euro

ll bonus asilo nido viene erogato dall’INPS con cadenza mensile, parametrando l’importo massimo su 11 mensilità, direttamente al genitore richiedente che ha sostenuto il pagamento, per ogni retta mensile pagata e documentata.

Fare domanda

La domanda va presentata online all’INPS oppure attraverso il contact center (803 164 gratuita da rete fissa o 06 164 164 da rete mobile). Oppure attraverso i servizi online degli enti di patronato.

Le ricevute da presentare

Le ricevute di pagamento delle rette da rimborsare possono essere presentate entro il 1° aprile 2021, se non disponibili subito al momento della domanda e i rimborsi, che arriveranno solo dopo. Non cambiano le modalità di allegazione delle ricevute: si può utilizzare l’App “Inps mobile” con la funzionalità “Bonus Nido” con telefono cellulare o tablet. Con la domanda si dovrà anche indicare il numero di mesi di frequenza al nido tra gennaio e dicembre 2020 per i quali si intende chiedere il rimborso.

Qui trovate la scheda Bonus Nido sul portale dell’INPS

Sportelli Inps Ferrara, dal 1 ottobre si accede solo con la prenotazione – INTERVISTA –

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome