Home News Attualità Per ogni bimbo che nasce c’è il bonus bebè: ecco come cambia...

Per ogni bimbo che nasce c’è il bonus bebè: ecco come cambia nel 2020

0

La legge di bilancio 2020 ha confermato il Bonus bebè ma cambiano gli importi e l’assegno diventa “universale” ovvero non sono più previsti limiti di ISEE. 

Che cos’è

Il bonus bebè (assegno di natalità) è un assegno mensile che viene corrisposto alle famiglie per ogni figlio nato, adottato o assegnato in affido preadottivo tra il primo gennaio e il 31 dicembre 2020. Per ottenere l’assegno, fino all’anno scorso, la famiglia doveva presentare un ISEE minorenni non superiore a 25mila euro. Ora invece il tetto ISEE è stato tolto e la certificazione servirà solo per determinare l’importo dell’assegno.

A chi spetta

L’assegno spetta a partire dal mese di nascita del figlio e fino al primo anno di età; se si tratta di figlio adottato, spetta dal mese in cui il bambino fa il proprio ingresso nel nucleo famigliare. La domanda deve essere presentata entro 90 giorni – dalla nascita o dall’ingresso del minore nel nucleo famigliare. L’effettivo pagamento dell’assegno inizierà dal mese successivo a quello in cui verrà presentata la domanda, ma comprenderà tutte le mensilità maturate fino a quel momento.

Quanto vale

A quanto ammonta l’assegno? Dipende dall’ISEE minorenni del minore per cui viene richiesta la prestazione.

160 euro al mese (1.920 euro all’anno), per le famiglie con modello ISEE fino a 7.000 euro
120 euro al mese (1.440 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE non superiore a 40.000 euro;
80 euro al mese (960 euro all’anno) per le famiglie con modello ISEE superiore a 40.000 euro.
In caso di figlio successivo al primo, nato o adottato tra il 1° gennaio 2020 e il 31 dicembre 2020, l’importo dell’assegno di natalità sarà aumentato di un ulteriore 20 per cento.

 

Come fare domanda

I dettagli operativi per fare domanda dal 2020 saranno contenuti nella circolare che  l’INPS dovrà pubblicare. La domanda comunque dovrebbe essere presentata all’INPS in modalità telematica, cioè online. In pratica, è consigliabile avvalersi di un patronato che metterà a disposizione del cittadino i propri servizi.

La normativa

Il bonus bebè è stato istituito con la legge 190 del 23 dicembre 2014: in seguito ha subito varie modifiche; nella Legge di Bilancio 2018, approvata dal Parlamemto a fine 2017, è stato fortemente ridimensionato, e portato dalla durata triennale all’attuale durata di un solo anno. La legge di bilancio 2019 ha confermato le scelte del 2018, fissando un finanziamento sulla singola misura di 204 mlioni di euro, che diverranno 240 nel 2019. L’ultima modifica è quella introdotta dalla Legge di Bilancio 2020 che ha tolto il tetto ISEE e ritoccato gli importi.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome