Home News Attualità Bimbi non vaccinati, l’Ausl invia le multe alle famiglie No Vax

Bimbi non vaccinati, l’Ausl invia le multe alle famiglie No Vax

449
1

 Scattano le sanzioni per le famiglie dei bambini non vaccinati. L’Asl di Ferrara ha inviato 223 multe, soprattutto a genitori di bambini di età compresa tra i 3 e i 6 anni, che non risultano in regola con le vaccinazioni obbligatorie.

A spiegarlo è stata la Nicoletta Natalini, direttore sanitario dell’Ausl di Ferrara che ha ribadito: “Per questa categoria l’obbligo era assoluto per poter essere ammessi alla frequenza di nidi e materne, l’esclusione resta una decisione dell’amministrazione comunale ma l’azienda sanitaria ha la competenza sulle sanzioni che quindi sta inviando. Dopo la fascia 3/6 le sanzioni, il cui importo medio è di circa 160/180 euro, arriveranno anche agli “inadempienti” iscritti alla scuola dell’obbligo.

Per pagare le sanzioni ci sono 90 giorni di tempo e, avverte Giuseppe Cosenza, direttore del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Asl, eventuali richieste di incontri per avere chiarimenti, non sospenderanno i termini per il pagamento.

La legge Lorenzin ormai è a pieno regime. L’Asl ha chiamato attivamente le famiglie i cui bambini risultavano non in regola, anche con soltanto una vaccinazione. Non solo, sono stati anche attivati ambulatori a libero accesso consentendo a tutti di adempiere all’obbligo delle vaccinazioni. In sostanza non ci sono scuse, chi si voleva vaccinare ha avuto tutto il tempo e le possibilità di farlo, chi non si vaccina, sottolinea anche Nicoletta Natalini, “lo fa semplicemente per motivi ideologici e non ci sono incontri di chiarimenti o deroghe che tengano”.

Vaccini, aumenta la copertura in regione e anche a Ferrara

Vaccinazioni antinfluenzali al via, l’Ausl: “ambulatori e vax day per aumentare…

Future mamme, vaccinarsi contro l’influenza è importante e sicuro

1 commento

  1. “Sperando che si comprenda l’utilità di vaccinare i propri figli.”
    Chi informato decide di non vaccinare è proprio di affermazioni come questa che non si fida . Per tutti i bambini è utile vaccinarsi? Per tutti i tipi di vaccini? Tra utilità e danni qual è il rapporto ? Perché nonostante tantissime sollecitazioni la ASL non divulga dati di confronto reali tra le condizioni di salute 5 anni dopo tra chi si è sottoposto a 10 vaccini e chi non li ha fatti, mettendo casomai numero di soggetti, patologie indagate, luogo ed anno?

    “Le norme di legge sono molto chiare”
    Così invece non è! Se lo fosse non ci sarebbero asili e materne che ammettono ed altre no. Il limite stradale urbano è 50km orari in ognuno degli oltre 8mila comuni italiani, se l’infame norma di esclusione fosse ad interpretazione univoca nessun sindaco non applicherebbe la legge molto chiara. Le infami esclusioni prevedono una procedura e di questo discuteremo nei tribunali.

    “Guerra all’influenza – Al via le vaccinazioni”
    I virologi ci dicono che i virus parainfluenzali che causano la classica sindrome influenzale si possono catalogare in una decina di famiglie principali per un totale di ben oltre 200 differenti tipi di virus. I vaccini antinfluenzali si chiamano “tri… oppure quadri…” esagerando il vaccino copre meno di 10 virus su oltre 200.

    Infatti le” vere influenze” in rapporto alle simili-indistinguibili sindromi influenzali a seconda degli anni sono circa il 10% esagerando il 15%, questo lo si sa dai ricoveri ospedalieri dove si verifica il virus causante. In sostanza abbiamo 7 proiettili per 200 nemici-virus e per giunta il proiettile-vaccino non è adatto per oltre l’80% degli oltre 200 virus-nemici.

    Le vogliamo ammettere queste cose sull’utilità del vaccino? Come mai i medici prima delle introduzioni delle coercizioni professionali si vaccinavano per meno del 20%? Ci sono studi di confronto nei quali tra mille settantenni la meta si è fatta per 10 anni il vaccino e la metà no? Quanti sono arrivati ad ottant’anni ed in che condizioni?

    Come esponente del Movimento 3V Vaccini Vogliamo Verità vorrei concludere con una riflessione. Se ordinato al bar un tramezzino vi dicessero: “NO, oggi obbligo di mangiare un cornetto” come la prendereste? Se arrivati in piazza vi dicessero: “Oggi niente scarpe obbligo di ciabatte” come la prendereste? Chi combatte contro l’obbligo di farsi iniettare virus, batteri, infiammatori all’alluminio ed altro ancora, contro la propria volontà personale pena l’esclusione dalle scuole, pena il non rilascio della patente di guida, dietro l’impossibilità di avere la carta d’identità, ed altro ancora che in parlamento stanno discutendo, compie una battaglia di libertà, una battaglia per la democrazia. Democrazia, libertà e verità sono per tutti i cittadini, nessuno escluso.

    Chi ha paura della verità sui vaccini?

    Chi ha paura di lasciare la libertà alle persone sulla propria salute?

    Segretario Movimento 3V
    Luca Teodori

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome