Home News Attualità “Ho perso il mio bambino”, dove trovare sostegno quando accade

“Ho perso il mio bambino”, dove trovare sostegno quando accade

366
0

La morte del bambino durante la gravidanza e nel periodo postnatale, in Italia, riguarda una donna in gravidanza su sei.

Se consideriamo soltanto le perdite che avvengono a partire dalla seconda metà della gravidanza in poi, ogni giorno quindici donne escono a braccia vuote dai reparti maternità. Tanti altri bimbi muoiono entro un mese dal parto. Se si considera tutta la gravidanza, poi, questo numero sale vertiginosamente.

Il 15 ottobre ricorre la Giornata Mondiale per la Consapevolezza sul lutto perinatale. Oggi in oltre 60 città d’Italia, si tengono eventi culturali, momenti formativi e manifestazioni grazie all’impegno di una solida rete di volontari, liberi cittadini, associazioni ed enti aderenti.

Quella del 15 ottobre è una giornata di sensibilizzazione, perchè sia posta sempre più attenzione al lutto perinatale e post natale e non si lasciano sole le famiglie nella gestione di un lutto che può portare gravi conseguenze.

Il Baby Loss Awareness Day è anche una giornata in cui si fa il punto con medici e ricercatori, oltre che con le istituzioni, per valutare i progressi fatti nella care delle famiglie in lutto e per evidenziare quelle che sono le criticità da migliorare.

Un evento che può toccare tutti

La maggior parte degli aborti si verifica nei primi tre mesi di gravidanza, ma ci sono aborti ( fortunatamente più rari) che si verificano anche dopo il terzo mese e addirittura nel terzo trimestre (parti pretermine). Circa l’85% degli aborti è causato da alterazioni fetali, la rimanente parte (15%) da problemi di salute materna.

In tutti i casi, può essere utile ricorrere ad un supporto di tipo psicologico, che accompagni la donna e la coppia nelle proprie scelte e nel percorso del lutto; tale servizio viene offerto da consultori, centri specializzati o associazioni private presenti sul territorio.

Dove andare quando accade

Gli aborti spontanei vengono trattati in Ospedale S. Anna presso la Clinica Ostetrica. A seconda del caso clinico la prestazione viene eseguita in Day Hospital o con ricovero di più lunga durata, e alle donne che lo richiedono viene offerta una consulenza psicologica attraverso un percorso di 2 o 3 incontri con personale specializzato. Un aborto spontaneo nei primi tre, quattro mesi di gestazione non è purtroppo un avvenimento tanto raro. Prima del 180° giorno di gravidanza di gestazione, l’interruzione di gravidanza viene considerata giuridicamente aborto e dà diritto alla stessa tutela sanitaria della sola malattia.
Dopo il 180° giorno di gestazione invece, l’interruzione della gravidanza viene considerata “parto prematuro” e dà automaticamente alla lavoratrice il diritto di usufruire dell’assenza obbligatoria di 3 mesi e del trattamento economico di maternità.

Ferrara
– Servizio di Psicologia dell’U.S.L. di Ferrara – Via Ghiara, 38. – Ferrara
Per informazioni e appuntamenti occorre telefonare al numero 0532/235424 ove è attiva una segreteria telefonica.
– Centro Donne Giustizia – Via Terranuova, 12/B – Ferrara
Per informazioni e appuntamenti occorre telefonare al numero 0532/247440 dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.30 alle19.00 e il sabato dalle 9.00 dalle 12.00.
– Consultorio Spazio Giovani – Via Gandini, 26 – Ferrara (fino a 24 anni).
Per informazioni e appuntamenti occorre telefonare ai numeri 0532/235026 – 235005.

Comacchio
– Il Centro per le famiglie del Delta “La Libellula” vi aspetta e vi dà appuntamento presso Palazzo Patrigani nel centro storico di Comacchio, in Via Buonafede n. 12.
Per contatti ed info: 0533/314088.
Orari: Mercoledì e Venerdì dalle 9:00 alle 12:00
http://www.comune.comacchio.fe.it/informafamiglie
– Servizio di Psicologia Clinica Territoriale A.U.S.L. Ferrara
Sede dei colloqui: Ex Ospedale di Comacchio  Via R. Felletti il lunedi pomeriggio a settimane alterne tel: 0533 723227 (lasciare un messaggio in segreteria telefonica e verrete richiamati) – email: ascolto.gravidanza@ausl.fe.it

Associazioni che si occupano di lutto perinatale

CiaoLapo Onlus è una associazione a carattere scientifico e assistenziale, composta da  genitori colpiti da lutto in gravidanza e dopo il parto e professionisti (medici, psicologi, ostetriche) impegnati nella ricerca sulla morte perinatale e nel sostegno psicologico ai familiari in lutto.

CiaoLapo Onlus organizza  gruppi di automutuoaiuto per genitori in lutto in alcune città italiane tra cui, in Emilia Romagna, Modena. L’accesso ai gruppi è aperto a tutti i genitori, mamme, papà e coppie con esperienza di lutto in gravidanza o dopo il parto, recente o remota, che sentono la necessità di affrontare il lutto e di proseguire la sua elaborazione.
Per approfondimenti: www.ciaolapo.it

In Un Battito
è un’associazione nasce dall’iniziativa di un gruppo di famiglie di Cento e Sant’Agostino che, dopo aver subito la perdita di un bambino prima o durante la nascita, hanno sentito l’esigenza di condividere e confrontarsi fra loro, ma anche con professionisti, medici e psicologi, su questa dolorosa esperienza.
L’Associazione offre la possibilità, a chi è interessato, di partecipare a giornate di informazione/formazione e a gruppi di parola per capire ed approfondire cosa significa questo lutto per la donna, per la coppia, per la famiglia.
Per maggiori informazioni è possibile telefonare ai numeri 339/4295706 – 340/5305385 oppure inviare una e-mail a:info@inunbattito.it.

Per approfondimentihttp://inunbattito.it

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome