Home News Attualità Mille fiaccole accese contro la violenza e il femminicidio

Mille fiaccole accese contro la violenza e il femminicidio

442
0

La notizia del secondo femminicidio nel giro di pochi giorni, in un territorio di piccole dimensioni come il nostro, ci lascia ancora una volta sgomenti e addolorati.

I sindacati CGIL CISL e UIL riassumono così le motivazioni per cui è stata convocata, in accordo con l’Udi di Ferrara e il Centro Donna Giustizia, una fiaccolata contro la violenza sulle donne e il femminicidio, che si svolgerà giovedì sera, dalle 21.00, in centro storico.

L’uccisione di Cinzia Fusi a Copparo e di Athika Gharib – ferrarese di origine marocchina – a Castello d’Argile richiamano la comunità ferrarese a una profonda riflessione. La manifestazione convocata dai sindacati, senza bandiere nè insegne di partito, ha proprio questo obiettivo, richiamare i ferraresi e obbligarli a prendere coscienza che il male si annida ovunque, anche nella loro città.

Alla manifestazione convocata dai sindacati ha aderito anche l’amministrazione comunale di Ferrara: il sindaco Alan Fabbri ha deciso di avanzare istanza  Fondazione emiliano-romagnola per le vittime dei reati, ed ha coinvolto le ass. Cristina Coletti (politiche sociali) e Dorota Kusiak (istruzione) affinché vengano adottate tutte le azioni possibili a sostegno della famiglia della donna barbaramente uccisa.

Alla fiaccolata ha aderito anche la Cna di Ferrara, su iniziativa della Presidente di Cna Impresa donna Jessica Morelli: “E’ importante che la città dia un segnale, che si dica chiaramente che la violenza di genere è inaccettabile ed il mondo dell’impresa deve essere un argine all’intolleranza e all’odio– spiega Jessica Morelli – Facciamo questa scelta e pensiamo che tutta la città debba esserci, al di là delle posizioni politiche o dell’appartenenza ideologica”.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome