Home Tutti a scuola Asili Nido Nidi e scuole dell’infanzia, ecco il regolamento sanitario

Nidi e scuole dell’infanzia, ecco il regolamento sanitario

443
0

Il certificato medico per il rientro a scuola non occorre più dal 2015 ma esistono alcune norme che vanno applicate, per i servizi educativi per l’infanzia, in caso di malattia del bambino. 

La legge regionale 16 luglio 2015 n. 9 art. 36 sulla semplificazione delle certificazioni sanitarie in materia di tutela della salute in ambito scolastico ha di fatto abolito i certificati di riammissione scolastica, e, come raccomanda la nota della Regione: “La legge in oggetto, che si applica a tutte le scuole di ogni ordine e grado, responsabilizza maggiormente sia i medici curanti nell’informare ed educare i genitori alla comprensione, nel caso di una malattia infettiva, delle indicazioni di profilassi e al rispetto delle eventuali indicazioni contumaciali nei casi in cui la malattia infettiva contagiosa lo richieda, sia le famiglie nell’assicurare la piena guarigione dei ragazzi nel rispetto anche della tutela della salute collettiva, prima di rinviarli a scuola“.

Malattie da segnalare alle Pediatrie di Comunità

Alcune malattie infettive (ad esempio: meningiti, epatiti virali, diarree batteriche, scabbia, tubercolosi, morbillo, rosolia, pertosse, tigna) richiedono una sorveglianza attiva nella colletività da parte della Pediatria di Comunità. Se un bambino viene riscontrato affetto da una delle suddette malattie da parte del Pediatra/Medico di libera scelta è necessario che quest’ultimo avverta tempestivamente la Pediatria di Comunità per la sorveglianza del caso e che la riammissione rispetti i periodi di contumacia indicati dalla legislazione vigente.

Interruzione della frequenza scolastica
Non possono frequentare:
– i bambini la cui malattia richiede cure che il personale non è in grado di fornire senza compromettere la salute e la sicurezza degli altri bambini
– i bambini con limitazioni funzionali (es.: gessi, bendaggi estesi, protesi, ecc.) che ne ostacolino significativamente la partecipazione alle normali attività e alla vita della scuola che rientrino nel punto precedente.
Questi casi potranno frequentare solo dopo valutazione delle insegnanti e del Coordinatore del Nido o della Scuola d‘Infanzia, e l’idoneità alla frequenza successivamente validata dal Pediatra di Comunità.

Farmaci e altri prodotti provenienti dall’esterno 
Nell’ambito dei Nidi e Scuole dell’Infanzia non vengono somministrati farmaci ai bambini. Nel caso il bambino presenti problemi di salute, che richiedano permanentemente o temporaneamente particolari attenzioni e/o terapie (per esempio: malattie croniche, allergie, ecc) da attuare nell’ambito della scuola, si raccomanda ai genitori di darne comunicazione alla Pediatria di Comunità, per l’eventuale predisposizione di uno specifico accordo condiviso e formalizzato (Protocollo Provinciale) tra famiglia, scuola e Pediatria di Comunità.

Alimentazione 
Il Piano Regionale della Prevenzione 2015-2018 assegna al Modulo Organizzativo Igiene della Nutrizione la validazione della tabella dietetica quotidiana per una corretta alimentazione dei bambini (recapiti: Ufficio dietiste Tel. 0532/235249 – Ufficio Responsabile dr. Lucio Andreotti Tel. 0532/235224 e-mail: l.andreotti@ausl.fe.it).
È importante che i bambini inseriti al nido, alimentati con latte materno, continuino con questa modalità di
alimentazione: pertanto la mamma può contattare il Pediatra di Comunità per attivare il protocollo che consente di proseguire l’allattamento materno anche al nido.

Sicurezza e pronto soccorso
E’ opportuno che i bambini all’asilo nido e alla scuola dell’infanzia non indossino collane, bracciali, orecchini o altri oggetti simili, poiché possono essere fonte di pericolo nel gioco per sé e per gli altri.

Il Personale della scuola che presta pronto soccorso in caso di ferite, sanguinamenti e contatti con materiali organici, deve indossare guanti monouso. Tutte le superfici sporcate con materiali organici devono essere pulite con sapone ed acqua e quindi disinfettate. Tutto il materiale monouso contaminato deve essere prontamente eliminato in sacchi chiusi.
In caso di trauma importante e/o perdita di coscienza, chiamare il 118 e avvisare contestualmente la famiglia.

Igiene
Il personale in servizio nei Nidi, indossa calzature che non vengono utilizzate al di fuori degli ambienti interni del plesso. I genitori e tutti coloro che per motivi diversi entrano, anche transitoriamente nel Nido (sezione lattanti) devono indossare apposite soprascarpe di cui è cura dei singoli interessati provvedersi.
È possibile l’utilizzo individuale di pannolini lavabili propri, qualora i genitori lo desiderino, nel rispetto della procedura provinciale.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome