Home In Famiglia Contributi Economici Bonus Mamma domani: un contributo per le neomamme

Bonus Mamma domani: un contributo per le neomamme

787
0

Nel 2018 hanno fatto richiesta del premio nascita Inps 239.613 future mamme, per una spesa di 194 milioni di euro da parte dello Stato; molte altre ancora potranno richiederlo nel 2019, utilizzando la modalità telematica messa a disposizione dall’Inps.

Che cos’è

Il Bonus mamma domani è un premio di 800 euro, che viene corrisposto dall’INPS per la nascita di un bambino, oppure per l’adozione o l’affido preadottivo di un minore, a partire dal 1° gennaio 2017, anno in cui è stato introdotto. Dal 2018 è stato reso strutturale e non deve essere rifinanziato annualmente. Non concorre alla formazione del reddito complessivo.

A chi spetta

Il bonus mamma domani è rivolto alle madri in caso di: compimento del settimo mese di gravidanza; parto; adozione o affidamento di un minore, nel corso del 2019. La madre che presenta domanda – italiana, comunitaria o extracomunitaria – deve essere regolarmente presente e residente in Italia.
La somma viene corrisposta in un unica soluzione, senza limiti di reddito, per ciascuno degli eventi elencati: se ho un bambino e poco tempo dopo decido di adottarne un altro, avrà diritto a due assegni.

Quanto vale

Il premio di nascita ha un ammontare di 800 euro. Viene pagato tramite accredito su CC bancario, CC postale, libretto o carta prepagata, purché dotata di IBAN. Può essere pagato anche con bonifico domiciliato presso ufficio postale.

Presentare domanda

La domanda va presentata online all’INPS, improrogabilmente entro un anno dagli eventi di cui sopra (parto, adozione, ecc.).
La si può presentare attraverso il sito dell’INPS, se si è in possesso di un pin di accesso, oppure utilizzando il Contact Center INPS (numero 803 164, gratuito da rete fissa, oppure 06 164 164 da rete mobile).
Può essere presentata anche tramite un patronato che metta a disposizione i propri servizi telematici.

La presentazione della domanda comporta la produzione di documentazione che certifichi, in primis, lo stato di gravidanza della madre.

Per maggiori informazioni, qui trovate la scheda sul portale INPS

 

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome