Home News Attualità Nuovo codice della strada, casco in bici obbligatorio per i bambini e...

Nuovo codice della strada, casco in bici obbligatorio per i bambini e cinture sugli scuolabus

497
0

Casco obbligatorio in bici fino a 12 anni, cinture di sicurezza sugli scuolabus, introduzione delle strade scolastiche ma anche sensibilizzazione rispetto agli stalli riservati a disabili e donne in gravidanza.

Sono alcune delle novità che da fine anno dovrebbero entrare in vigore con il nuovo Codice della Strada. Il disegno di legge di modifica dell’attuale Codice della Strada è stato approvato in commissione Trasporti alla Camera il 9 luglio, ora passerà in Aula e poi al Senato.

Le novità previste dal disegno di legge di modifica del Codice della  Strada

  • Strade scolastiche, nuova categoria di vie. Si tratta di zone a traffico o velocità limitati o aree pedonali nei pressi degli edifici scolastici, almeno negli orari di ingresso e di uscita degli alunni.
  • Obbligo di montare le cinture di sicurezza sugli scuolabus. Non è stato definito se ci sarà qualcuno responsabile di verificare che i bambini effettivamente le indossino.
  • Casco obbligatorio in bici per i bambini fino ai 12 anni. Ancora devono essere definiti i requisiti che i caschi dovranno avere.
  • Cellulare alla guida: multe più salate e sospensione patente. Chi viene fermato con il cellulare in mano alla guida rischierà la sospensione della patente per 7 giorni fin dalla prima violazione (oggi scatta solo per i recidivi).
  • Stallo di sosta riservato ai disabili. Raddoppieranno le sanzioni per chi lo occupa abusivamente.
  • Estensione da 6 mesi ad 1 anno la validità del foglio rosa, così da poter sostenere fino a tre prove di esame per la patente.
  • Apertura alla circolazione delle moto elettriche in autostrada e in strade extraurbane principali delle moto elettriche.
  • Abbassamento da 150 centimetri cubici a 125 del limite minimo di cilindrata per la circolazione in autostrada e in strade extraurbane principale. Ma solo se il conducente è maggiorenne e ha una patente “superiore” a quella normalmente richiesta.
  • Eliminato il divieto per i neopatentati di guidare veicoli con rapporto tara/potenza basso (istituito nel 2007), purché accompagnati da altro conducente “esperto”.
  • Normati messaggi di sensibilizzazione sociale per il corretto uso degli stalli di sosta riservati a disabili e alle donne in gravidanza e neomamme.
  • Responsabilità ai conducenti delle auto e di moto e ciclomotori per i trasportati relativamente all’uso delle cinture e del casco. Oggi la responsabilità c’è solo sui passeggeri minorenni (fermo restando che in caso d’incidente l’assicurazione può decurtare il risarcimento a chi non era allacciato o protetto).
  • Pubblicità nelle rotatorie, verrà regolamentato l’uso.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome