Home News Attualità Volontariato accogliente, nel 2018 aiutate 24 famiglie e 40 bambini

Volontariato accogliente, nel 2018 aiutate 24 famiglie e 40 bambini

397
0

24 nuclei famigliari, di cui 40 minori, 47 volontari in campo per 6405 ore di volontariato, con sviluppo di punti di aiuto compiti di gruppo a Ferrara, Argenta e Portomaggiore, che hanno coinvolto ulteriori 55 volontari (709 ore di volontariato) a favore di 107 minori accolti. Sono questi i numeri dell’attività nel 2018 del Volontariato Accogliente.

Il report è stato presentato lunedì 13 maggio presso la Casa del Volontariato di Ferrara.

Il volontariato accogliente

Il progetto di comunità, nato nel 2011 grazie all’apporto di associazioni, enti del terzo settore, cittadini, volontari ed enti pubblici con il coordinamento di Agire Sociale, offre un aiuto concreto e personalizzato ai suoi beneficiari e favorisce il buon vicinato.

Le famiglie beneficiarie

I nuclei famigliari beneficiari sono costituiti per più della metà da mamme sole, di nazionalità straniera (75%) e italiana (25%), di cui oltre il 60% lavoratori, la maggioranza dei quali (83%) hanno già avuto contatto con i servizi sociali del territorio.

Le tipologie di aiuto

Le tipologie di aiuto comprendono accordi personalizzati (con rapporto 1:1) con il nucleo famigliare in difficoltà (accudimento e accompagnamento del minore, aiuto compiti offerto singolarmente presso l’abitazione del volontario o del bambino, altre forme di sostegno) e, in più, anche gli aiuto compiti di gruppo negli attuali 5 punti presso la parrocchia di Pontelagoscuro, il Centro Sociale Il Barco e le tre Case del Volontariato di Ferrara, Argenta e Portomaggiore.

Queste modalità di aiuto più flessibili, con un valore aggiunto di relazioni e buone amicizie, hanno coinvolto complessivamente 47 volontari, di cui 41 volontari e 6 tirocinanti di scienze dell’educazione, che hanno messo a disposizione qualche ora del loro tempo a favore di un bambino in situazione di fragilità, coordinati da un gruppo di 4 volontari esperti. Si tratta di un impegno solidale che si è tradotto in 6405 ore complessive di volontariato a favore delle nostre comunità territoriali.

Le modalità di accesso

Su 32 accordi attivati nel 2018, le famiglie beneficiarie hanno avuto accesso al volontariato accogliente direttamente nel 31% dei casi, attraverso la segnalazione dei servizi pubblici per un altro 31%, ma anche attraverso associazioni di volontariato (21%), scuola (9%), vicini di casa (3%). Gli accordi hanno avuto una durata media da 6 a 11 mesi, concentrandosi in genere durante l’anno scolastico.

I volontari coinvolti

Inoltre sono stati coinvolti ulteriori 55 volontari (per 709 ore di volontariato) a favore di 107 minori accolti nell’aiuto compito di gruppo presso la Parrocchia di Pontelagoscuro, Centro Sociale Il Barco e le tre Case del Volontariato di Ferrara, Argenta e Portomaggiore, oltre a un accordo di gruppo riattivato durante l’estate 2018 per intrattenere i bambini della Comunità “Convento Santa Rita”.

Nell’ottica di favorire l’integrazione tra interventi di volontari e di operatori dei servizi, a settembre 2018 è stata sancita un’intesa tra Agire Sociale, ASP- Centro Servizi alla Persona, Comune di Ferrara e Centro per le Famiglie per facilitare tali percorsi di aiuto, già regolati da un accordo condiviso e sottoscritto dalla famiglia e dai volontari in termini di attività di volontariato e relativa durata.

A Ferrara il volontariato è accogliente ed aiuta i genitori in difficoltà – INTERVISTE – 

Pioggia di richieste per l’aiuto compiti, Agire Sociale cerca nuovi volontari

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome