Home In Famiglia Contributi Economici Reddito di cittadinanza: si potrà richiedere a partire dal 6 marzo. Ecco...

Reddito di cittadinanza: si potrà richiedere a partire dal 6 marzo. Ecco come si fa

547
0

Il reddito di cittadinanza diventerà realtà, in Italia, a partire dal mese di aprile. Ma le operazioni preliminari in vista della sua entrata in vigore sono già partite. Il 4 febbraio il ministro del Lavoro Luigi Di Maio ha presentato il sito www.redditodicittadinanza.gov.it e la cosiddetta RdC Card, la tessera elettronica (tipo bancomat) su cui il reddito di cittadinanza verrà accreditato. La Card dovrebbe portare il marchio di POste Italiane.

Obiettivi del reddito di cittadinanza: dare un aiuto economico a famiglie e singoli cittadini che si trovano temporaneamente in difficoltà e senza lavoro. Il Reddito di cittadinanza è associato ad un percorso di reinserimento lavorativo e sociale.
In pratica i Centri per l’impiego dovranno individuare delle opportunità di impiego da proporre a chi riceve il Reddito di Cittadinanza; costui non potrà rifiutare il lavoro per più di tre volte, pena la perdita del Reddito stesso.

Entrata in vigore: il reddito di cittadinanza verrà effettivamente erogato a partire dal mese di aprile. Dal 6 marzo scatterà la possibilità di farne richiesta.

Il sito internet: per ora ha una funzione esclusivamente informativa. Illustra caratteristiche del reddito di cittadinanza e requisiti per ottenerlo. Dal 6 marzo sarà anche un veicolo attraverso cui inoltrare le domande, purché in possesso dello SPID, l’identificativo che permette di utilizzare online i servizi della pubblica amministrazione.

Presentare domanda: lo si potrà fare tramite il già citato sito internet, oppure attraverso i CAF o gli sportelli Postali.

I requisiti

Il richiedente deve essere cittadino italiano o europeo, oppure titolare di diritto di soggiorno o diritto di soggiorno permanente da almeno dieci anni in Italia

Condizioni economiche del nucleo familiare:

• ISEE inferiore a 9.360 euro;
• patrimonio immobiliare, a parte la casa di abitazione, non superiore a 30.000 euro;
• patrimonio mobiliare non superiore a 6.000 euro per il single, incrementato in base al numero dei componenti della famiglia
• reddito familiare inferiore a 6.000 euro annui, moltiplicato per il corrispondente parametro della scala di equivalenza basato su numero e tipo di componenti della famiglia.
Inoltre, i membri del nucleo famigliare non devono possedere auto di oltre 1600 cc di cilindrata o barche.

A quanto ammonta

Il reddito di cittadinanza ha due componenti:

• una integra il reddito familiare fino alla soglia – per un single – di 6.000 euro. Tale componenti può aumentare in base a un coefficiente che dipende da numero e caratteristiche dei componenti del nucleo famgliare.
• l’altra, destinata solo a chi è in affitto, incrementa il beneficio di un ammontare annuo pari al canone di locazione fino ad un massimo di 3.360 euro. È prevista anche una integrazione per pagare un eventuale murtuo casa: in questo caso l’integrazione non può superare 1.800 euro.

Quindi: l’importo base del reddito di cittadinanza può ammontare al massimo a 780 euro/mese, 9360/anno. Tuttavia, per avere l’importo effettivo bisogna: moltiplicare l’importo base della prima componente per i coefficienti di equivalenza, se la famiglia è composta di più membri; sottrarre l’ventuale reddito percepito dal richiedente.

Erogazione: coloro a cui verrà accreditato il reddito di cittadinanza riceveranno la RdC Card su cui la cifra verrà accreditata mensilmente. Ogni mese si potranno prelevare al massoimo 100 euro in contanti. Gli altri soldi andranno consumati  acquistando beni e servizi di base. Sarà anche possibile effettuare un bonifico mensile per il pagamento dell’affitto. i soldi non potranno essere usati per il gioco.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome