Home News Attualità Manovra, il congedo maternità cambia: chi vorrà potrà lavorare fino al nono...

Manovra, il congedo maternità cambia: chi vorrà potrà lavorare fino al nono mese

570
0

Chi vorrà (con via libera del medico) potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi ‘in dote’ l’intero periodo di astensione di 5 mesi a dopo il parto. Cambia così, con la manovra finanziaria per il 2019, il congedo per le neomamme lavoratrici. Lo riportano oggi le agenzie di stampa.

Ad introdurre la novità è un emendamento della Lega dedicato alle politiche delle famiglia approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Il nuovo sistema viene proposto come ‘alternativa’ all’attuale, che impone invece l’obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino.

Inoltre aumenta da 1.000 a 1.500 euro l’anno il bonus per l’iscrizione agli asili nido pubblici o privati. La misura nata con la legge di bilancio 2017 viene estesa con l’incremento fino al 2021. A partire dal 2022 sarà invece un Dpcm a determinare l’importo, comunque non inferiore a 1.000 euro su base annua

Cambia anche il congedo di paternità. Ad annunciarlo è statao il vicepremier Di Maio in un forum dell’Ansa: “Opzione Donna è nel pacchetto pensioni e ieri sera il congedo di paternità obbligatorio è passato da 4 a 5 giorni”.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome