Home In Famiglia Contributi Economici Assegno di maternità dello Stato: il contributo per i lavori atipici

Assegno di maternità dello Stato: il contributo per i lavori atipici

0

La legge di bilancio 2019 ha confermato entrambi gli assegni di maternità: sia quello dello Stato – che riguarda le lavoratrici atipiche – sia quello dei Comuni – che riguarda le mamme disoccupate. Come spieghiamo più oltre, gli importi del contributo sono determinati annualmente dall’INPS e resi noti tramite circolare.

Che cos’è

L’assegno di maternità per lavori atipici e discontinui –  assegno di maternità dello Stato – è una prestazione previdenziale dell’INPS che spetta alle madri lavoratrici anche se precarie.

A chi spetta

L’assegno può essere richiesto in caso di nascita del bambino, adozione o affido preadottivo. Spetta in primis alla madre, ma in determinate condizioni anche il padre può richiederlo.

Requisiti della mamma:

Se lavora, deve avere almeno tre mesi di contributi versati per maternità nel periodo tra 18 e 9 mesi prima della nascita del bambino (o del suo ingresso in famiglia in caso di adozione o affido).

Se ha lavorato almeno tre mesi e poi ha perduto il lavoro, perdendo quindi il diritto alle prestazioni previdenziali e assistenziali, può richiedere l’assegno di maternità purché non siano passati più di 9 mesi tra la perdita del lavoro e la nascita del bambino (o il suo ingresso in famiglia nei casi di adozione e affido).

Se durante il periodo di gravidanza è stata licenziata o si è licenziata, deve far valere tre mesi di contribuzione nel periodo tra 18 e 9 mesi prima del parto.

Se è iscritta alla gestione separata (lavoratrice autonoma, professionista, co.co.co. Ecc.) deve disporre di 3 mesi di contributi versati nel 12 mesi precedenti l’inizio del congedo di maternità obbligatorio. Il congedo decorre dall’ottavo mese di gravidanza, ma può essere anticipato in caso di gravidanza a rischio.

Requisiti del papà:

Il papà può richiedere l’assegno di maternità nel caso di abbandono del figlio da parte della madre, di affidamento esclusivo del figlio al padre, oppure in caso che la madre sia deceduta.
I requisiti di natura contributiva sono gli stessi che sarebbero richiesti alla madre.

In tutti questi casi è richiesta la residenza in Italia e la cittadinanza italiana oppure della Unione europea. Ai cittadini extracomunitari è richiesto il Permesso di soggiorno per soggiornanti di lungo periodo.

Quanto vale

L’assegno di maternità dello Stato viene corrisposto per cinque mesi; l’ammontare viene calcolato dall’INPS e reso noto tramite la circolare annuale sui salari medi convenzinali. Ciascuna rata nel 2018 ammontava a 338,89 euro, per complessivi 1713 euro. La soglia di riferimento, per quanto riguarda l’ISEE, era di 17.142,46 euro. Si attende la determinazione dei nuovi valori che renderemo immediatamente nota anche sul sito

Presentare Domanda

Bisogna presentare la domanda per ottenere l’assegno di maternità dello Stato  entro sei mesi dalla nascita dal bambino o dal suo ingresso in famiglia (per adozioni e affidi). A chi? Alla sede INPS di competenza, nel nostro caso l’INPS di Ferrara in Viale Cavour, 168, 44121 Ferrara.

Vedi anche: assegno di maternità dei Comuni

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome